Author granted license

Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International

Document Type

Article

Publication Date

2018

Publisher

LUISS University Press

Language

it

Abstract

Nel febbraio 1988 Roberto Pardolesi festeggiava il suo quarantesimo compleanno circondato da un gran gruppo di studenti, tutti galvanizzati dalla sua presenza e dalla sua proverbiale energia. Unico e inimitabile, era brillante e alternativo, una forza anti-sistema all’interno di un ateneo ricco di menti acute ma anche di convolute gerarchie. Dall’Università di Chicago – sede del suo LL.M. nel 1976 – aveva importato non solo l’analisi economica del diritto, ma anche improbabili magliette a strisce, un forte spirito di iniziativa, e un’attitudine radicalmente antiformalista nel diritto come nella vita. Gli regalammo il libro I miei primi quarant’anni di Marina Ripa di Meana, allora in gran voga, ed altri oggetti di maggior valore anche se non necessariamente di miglior gusto. Tante cose sono cambiate da allora, ma nutro a tutt’oggi enorme gratitudine per quella miscela di rigore accademico e di scanzonatezza che Roberto aveva saputo inventare. Erano per molti di noi anni difficili. Si trattava di scegliere che cosa fare di noi stessi e di una generica e inflazionata laurea in giurisprudenza. Roberto non dava ordini, ma prendeva straordinariamente sul serio sia noi in quanto persone sia ogni riga che scrivevamo, e soprattutto si proponeva, più o meno consapevolmente, quale role model. Il lavoro accademico del tipo da lui esemplificato richiedeva enorme dedizione, studio assiduo, gioco di squadra e propensione all’interdisciplinarità. La finalità di questi sforzi era partecipare al gioco delle scienze sociali: capire il ruolo del diritto nelle dinamiche del mercato e collocare ogni regola giuridica, ogni pronuncia giudiziale da annotare per Il Foro Italiano, all’interno di un grande e complicato mosaico di scala globale. Era un progetto irresistibile, che avrebbe influito profondamente sulle nostre scelte accademiche e di vita.

Share

COinS